Inaugurazione dell'Anno Giudiziario: relazioni relative al Distretto di Torino

 
Carissimi,
 
ieri mattina ho voluto partecipare alla mia ultima Inaugurazione dell'Anno Giudiziario presso la Corte d'Appello.
Ero un po' curioso di  vedere e sentire come il Procuratore Generale ed il Presidente della Corte avrebbero trattato la situazione del nostro Ufficio Giudiziario, dopo il mio duro intervento mediatico ed istituzionale all'indomani di quel vergognoso servizio giornalistico de LA STAMPA del 24 dicembre, in cui erano riportate frasi un po' forti del Procuratore Generale, che proponeva addirittura l'accorpamento di Ivrea a Torino.
Ebbene, Vi allego le due relazioni lette ieri mattina, da cui ricaverete che non vi è più alcuna proposta di accorpamento per noi o per altri e la situazione dei Tribunali del Distretto è riportata con un'annotazione di comunanza nelle criticità, per la carenza di risorse, di personale e di organici della Magistratura (con la citazione della rotazione di nostri 5 Magistrati , che il Presidente della Corte indica come caso esemplare che richiederebbe un intervento legislativo e del CSM, per impedire il fenomeno nazionale dei trasferimenti. Ovviamente LA STAMPA oggi parla di "fuga di 5 Magistrati", tacendo il fatto che ne arrivano già 4 nuovi ad aprile, tutti giovani, motivati, volenterosi e costretti a restarvi per 8 anni).
D'altro canto è stata anche evidenziata una situazione di difficoltà proprio degli Uffici Giudiziari di Torino: in particolare, fuori dalla Relazione, il Dr. Saluzzo ha rivelato che si è calcolato in questi ultimi giorni che  la Procura della Repubblica di Torino, a causa del Decreto su Quota Cento, perderebbe il 50% del personale. Ciò allontana definitivamente  qualunque ipotesi di accorpamento della nostra Procura a quella di Torino.
Il Presidente della Corte ha citato l'Avvocatura di Ivrea per l'atteggiamento di responsabilità e di collaborazione verso il Tribunale nella soluzione di disporre di spazi necessari.
Ho visto tra il pubblico il Nostro Presidente Bevilacqua, il Procuratore Ferrando, il Dr. Grimaldi, la D.ssa Christillin sempre affettuosa verso di noi, il Dr. Vitari, il Sindaco di Ivrea Sertoli, che - tramite la Collega Costanza Casali - avevo pregato di essere presente per ogni evenienza.
Ho desiderato scriverVi queste poche righe per contestualizzare ad oggi un quadro iniziato a formarsi a tinte fosche sotto Natale e di cui ho ricevuto molte richieste dei Colleghi di aggiornamento, proprio in questi giorni.
 
Il Presidente
Mario Benni